“In Gomorra dovevo essere ‘Maradona’, ma poi…” Lo scoop di Malammore, al secolo Fabio De Caro, ai microfoni di OM

L'attore che presta il volto a Malammore svela un curioso retroscena della serie Gomorra

4
CONDIVISIONI

Gomorra ha chiuso i battenti il mese scorso con il gran finale della seconda stagione, un doppio episodio che ha lasciato dietro di sé una lunga scia di polemiche per via dell’uscita di scena di Don Pietro Savastano (interpretato da Fortunato Cerlino) per mano di Ciro Di Marzio (Marco D’Amore), e non solo.

La serie tv firmata Sky ha portato con sé anche una scena sconvolgente che ha fatto molto discutere sui social. Protagonista del colpo di scena è stato Malammore, braccio destro di Don Pietro sin dal primo episodio, costretto ad uccidere la figlia di Ciro, nemico del suo capo. Fabio De Caro, l’attore che gli presta il volto, è stato preso di mira da diversi commenti negativi sui social ma, a settimane di distanza, le polemiche sono diventate solo un brutto ricordo.

L’attore, ospite di Optima Italia nella redazione di OptiMagazine ha rilasciato una rivelazione in esclusiva: il suo personaggio avrebbe dovuto chiamarsi Maradona. Sul set, infatti, tutti lo hanno chiamato Maradò almeno fino a che Diego Armando Maradona, attraverso il suo legale Angelo Pisani, – a quanto dice De Caro – non ha avanzato a Sky richiesta di cifra esorbitante per l’utilizzo del proprio nome nella serie.

In un possibile arrivo davanti ad un giudice sicuramente il calciatore non avrebbe avuto alcuna chance di vittoria dal momento che “Maradona” non è un marchio registrato. Tuttavia Sky, per evitare che i tempi si allungassero, ha deciso di chiudere la questione cambiando il nome al suo personaggio.

Tutto ciò, però, ha avuto non poche ripercussioni sull’intero cast costretto a tornare a Roma in sala di doppiaggio per cambiare “Maradò” in “Malammò”, come spesso il suo personaggio viene chiamato in video.

Fabio De Caro è poi  tornato sulla questione delle “strane richieste” che riceve da fan e vicini di casa, gente che si spinge addirittura a chiedergli di fare “intimidazioni” ad uso domestico per problemi minori di tutti i giorni… ‘Malammore, potrebbe dire al signore di non invadere il mio posto auto?’.

“Noi siamo i primi a dire che siamo contro la Camorra e i camorristi, ma ci piace interpretarli. Adesso faremo questo ma in futuro faremo altro. È bello interpretarli ma è bello soprattutto tornare a casa la sera ed essere Fabio De Caro“.

Malammore è un personaggio caratterizzato dalla grande fedeltà al capo, un senso di totale devozione che lo spinge al punto di non ritorno, l’uccisione della figlia minorenne di Ciro Di Marzio, suo nemico, un gesto che ha scatenato polemiche ‘social’ verso l’attore.

Cosa ne sarà di Malammore nella terza stagione di Gomorra, e soprattutto come possiamo imparare a parlare come lui?

Scopriamolo dalla viva voce del protagonista, buona visione.

 

 

4
CONDIVISIONI

Commenti (2):

Annamaria Esposito

Azz che scoop… ma davvero NESSUN NAPOLETANO SAPEVA CHE MARADONA AVEVA CITATO LA PRODUZIONE ATTRAVERSO IL SUO ARCINOTO AVVOCATO! #LOL

Gaudi

Signori c’è chi ancora deve vederla la serie, il titolo dell’articolo non lascia presagire che state spoilerando il finale della seconda stagione

Lascia un commento: