Da Rihanna e Ariana Grande a Madonna contro Trump: discorsi e parolacce alla Women’s March (video)

Alla Women's March di Washington DC non si sono risparmiate le parole forti di Madonna contro Trump: le star che hanno partecipato all'evento

20
CONDIVISIONI

Madonna contro Trump, tutti contro Trump: questo è lo scenario della Women’s March tenutasi a Washington DC nella giornata di sabato 21 gennaio, durante la quale le donne hanno protestato contro l’insediamento alla Casa Bianca del neo Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, noto – tra le altre cose – anche per le sue innegabili tendenze sessiste.

La cantante di Like a Virgin ha preso la parola sul palco allestito in occasione della manifestazione, con un discorso che definire al vetriolo è un eufemismo: “Ci è voluto questo orribile momento di oscurità per svegliarci, ca**o” ha detto, “Non abbiamo vinto quest’elezione, ma alla fine il bene prevarrà“.

La rabbia di Madonna nei confronti di Donal Trump non si è però fermata qui: “Ai nostri detrattori, che insistono sul fatto che questa marcia non porterà mai a nulla: andate a fan**lo, andate a fan**lo” ha detto in diretta televisiva sulla CNN, prima di ammettere che “Sì, ho pensato molto a far esplodere la Casa Bianca, ma so che questo non cambierà nulla. Non possiamo cadere nella disperazione“.

Madonna si è poi esibita in due dei suoi brani, “Express Yourself” e “Human Nature“.

Nel corso della stessa Women’s March, anche Alicia Keys ha cantato e si è espressa a favore dei diritti delle donne: la cantante ha recitato “Still I Rise” della poetessa Maya Angelou, prima di esibirsi sulle note della sua “Girl on Fire“.

Madonna e Alicia Keys non sono le uniche star della musica ad aver marciato contro Trump: alle Women’s Marches tenutesi in tutti gli Stati Uniti sono state avvistate tantissime cantanti del presente e del passato, tra cui anche la mitica Cher.

La giovane popstar Ariana Grande ha pubblicato un video sul suo profilo Instagram.

we the people all the people 💛🌼🤗🙏🏼 #womensmarch

Un video pubblicato da Ariana Grande (@arianagrande) in data:

Anche Zendaya ha documentato la sua presenza alla Women’s March con un video pubblicato su Twitter.

Cartelli alla mano, Miley Cyrus ha marciato in prima fila a Los Angeles

Una bionda Katy Perry ha presenziato all’evento in colori sgargianti, con cappello giallo e cappotto rosa.

Rihanna è stata infine avvistata tra coloro che protestavano sotto la Trump Tower, a New York.

20
CONDIVISIONI

Commenti (2):

Diego Piergrossi

Il Popolo degli Stati Uniti con libere elezioni si è espresso ai sensi della costituzione USA vigente e ha scelto come Presidente Donald Trump…chi ha manifestato e continuerà a manifestare contro Trump non manifesta per la libertà o “solo” contro Trump, come vorrebbero far credere i tanti VIP intervenuti contro Trump, ma manifestano contro la costituzione USA e contro la Volontà democratica dei cittadini USA…Cittadini che si sono appena espressi in favore di Trump!!! Contestare l’elezionedi Trump a poche ore dall’insediamento, prima di qualunque sua azione politica è semplicemente un pregiudizio come il nobel per la pace dato “in via preventiva” ad Obama! Il popolo USA si è già espresso…alle votazioni!!! Facciamo lavorare chi è stato eletto dal popolo!!! I tanti VIP che hanno sponsorizzato da tempo la manifestazione (conoscendo bene il sentimento della gente comune a favore di Trump) dovrebbero capire che il loro voto miliardario vale quanto quello di un impiegato comune!!! E che il rispetto della Costituzione vige anche per loro!!! Anche se sono miliardari…anche se hanno milioni di fans…il loro voto è UNO!!!

John Doe

Chi vi paga per fare questo spettacolino ridicolo? Chi foraggia questi manifestanti e questi pseudo VIP? Sveglia gente non abboccate!!! C’è sempre qualcuno dietro a fomentare tutto questo. Ormai è tempo di svegliarsi e non abboccare più a queste manipolazioni mentali.

Lascia un commento: