Vasco Rossi è nonno di Lavinia, è nata la figlia di Lorenzo: la prima foto e il benvenuto del papà

Il rocker Vasco Rossi è nonno di Lavinia, la figlia di Lorenzo: l'annuncio sui social con la prima foto della piccola

9
CONDIVISIONI

Non solo 40 anni di carriera da festeggiare per il Blasco quest’anno: Vasco Rossi è nonno della piccola Lavinia, appena nata dall’unione di suo figlio Lorenzo Rossi Sturani con Carlotta Quaranta.

Ad annunciare il fiocco rosa in casa Rossi è stato il figlio di Vasco, nato dalla relazione con la celebre Gabri dell’omonima canzone e riconosciuto solo 15 anni fa dal cantante.

Lorenzo, oggi social media executive presso la compagnia Best Union Company che garantisce la massima trasparenza nella vendita dei biglietti per il concerto evento Vasco Modena Park, è diventato papà di una bambina e ha voluto comunicare il lieto evento sui social condividendo la sua felicità.

Ecco la prima foto della piccola apparsa su Facebook, con un messaggio di benvenuto: “Il sogno di diventare papà, la sicurezza di una famiglia, la fortuna di avere al mio fianco una mamma straordinaria. Non ti farò mancare nulla, te lo prometto. Benvenuta Lavinia“.

Nessun messaggio pubblico, per ora, da parte del Komandante, impegnato in quel di Los Angeles nella messa a punto dello show di Modena del prossimo primo luglio, col quale celebra quarant’anni di musica di fronte a 200mila persone: eccolo alla ricerca “delle scalette più perfette” per il suo concerto-evento che porterà in scena il meglio della sua produzione dagli anni ’70 ad oggi.

Lorenzo Rossi, 31 anni, ha raccontato un anno fa in un’intervista al Mattino come ha costruito il suo rapporto col padre quando era ormai già adolescente.

Ho sempre saputo chi era. Un giorno, guardandolo in tv, ho chiesto a mia madre di incontrarlo. Lei aveva sempre avuto paura che con la sua notorietà potesse portarmi via. In pochi giorni abbiamo organizzato l’incontro e, finalmente, l’ho conosciuto. Avevo 15 anni, eravamo nel suo studio di Bologna. (…) Come prima cosa, gli chiesi il test del Dna che è obbligatorio per legge. Lui non voleva farlo perché era sicuro di essere mio padre. Da quel giorno mi ha preso sotto la sua ala protettiva e abbiamo iniziato da zero il nostro rapporto padre-figlio.

9
CONDIVISIONI

Lascia un commento: