Federico contro Kobi ad Amici 2017, la sfida per il banco di canto dopo il provvedimento disciplinare

Il titolare Federico contro lo sfidante Kobi per la maglia di Amici 17.

Federico contro Kobi ad Amici 2017: è la sfida imposta dalla commissione in seguito al provvedimento disciplinare per aver tenuto il cellulare acceso durante l’orario delle lezioni.

Nella puntata speciale pomeridiana di sabato scorso, Mose, Biondo e The Jab sono andati in sfida dopo essere stati rimproverati dalla produzione, sorpresi con lo smartphone acceso nell’armadietto.

Al termine della puntata in diretta, la classe di Amici di Maria De Filippi ha chiesto di sostituire il nome di Mose con quello di Federico, anche lui colpevole di aver tenuto più volte il telefono acceso durante l’orario di svolgimento delle lezioni.

La commissione di Amici di Maria De Filippi ha ascoltato i ragazzi e ha preso in considerazione la loro richiesta integrando nuovamente Mose tra i titolari della scuola e ponendo invece in sfida il cantante Federico. La sfida non si terrà nel corso degli appuntamenti del sabato, in diretta, bensì è stata registrata negli scorsi giorni per essere trasmessa oggi, nel Daytime.

Ha giudicato la sfida Adriano Pennino, direttore d’orchestra e arrangiatore. Federico e Kob hanno presentato alcuni inediti. Federico ha iniziato con Spiegami per proseguire con Domenica mentre le scelte di Kobi sono state Senza fare rumore e Tutto a posto.

Dopo aver ascoltato i pezzi presentati dai due sfidanti, Adriano Pennino deve decidere chi tra i due merita di conquistare la maglia del titolare e il banco di canto di Amici 16. Dare un giudizio è molto difficile per lui così come “prendere una posizione”, “però lo dobbiamo fare”, ha ricordato. Suo malgrado si trova quindi a scegliere uno di due sfidanti.

“A me è sembrato più centrato Federico”: la sua scelta ricade così sul titolare del programma che può tornare a indossare la sua maglia e a occupare il posto tra i banchi. Federico è “10 centimetri avanti”, secondo Adriano Pennino, per questo merita di proseguire il percorso nel programma.

Lascia un commento: