Zucchine, suocere, depilazione #abolisciqualcosa

#abolisciqualcosa è schizzato in testa a tutti i sondaggi demoscopici e se questo simbolo dovesse esser presentato nell'agone elettorale avrebbe eccellenti possibilità di raccogliere numerosi consensi. Qualcuno ha anche proposto di abolire la Politica ed i Politici. La parodia è molto divertente. Per molti aspetti può rappresentare anche uno strumento di partecipazione democratica 2.0 all'elaborazione dei programmi elettorali

58
CONDIVISIONI

La Politica moltiplica le promesse ed il web si scatena. #abolisciqualcosa è diventata una parodia trend sulle promesse che animano le prime fasi della campagna elettorale. #abolisciqualcosa anima la fantasia degli elettori che simpaticamente aggiungono altre promesse a quelle copiose dei leader politici.

Abolire l’euro, abolire le tasse universitarie, abolire la legge Fornero, abolire le tasse, abolire i vaccini. Il movimento web  #abolisciqualcosa prende spunto da queste proposte programmatiche per aggiungerne altre più o meno credibili, come in fondo più o meno credibili sono le promesse politiche in occasione delle campagne elettorali (leggi di più.

Ci sono tifosi che vogliono abolire la Juventus, ma anche il Milan, l’Inter, la Roma, il Napoli, il Canicattì a seconda della passione calcistica. Ad #abolisciqualcosa ci sono studenti che vogliono abolire la scuola, ciccioni come me che invocano l’abolizione del colesterolo in eccesso e delle zucchine lesse. Molto quotate le abolizioni di suocere-nuore, delle faccende domestiche, della depilazione, dei programmi di Maria De Filippi o delle sorelle Parodi. #abolisciqualcosa sostiene anche l’abolizione dei vicini molesti, degli sfaccendati e perditempo, dei calzini con i sandali, del coniglio dal menù. Non mancano le petizioni più nobili come l’abolizione della fame nel mondo, delle discriminazioni di genere, dell’odio verso i migranti.

Insomma #abolisciqualcosa è schizzato in testa a tutti i sondaggi demoscopici e se questo simbolo dovesse esser presentato nell’agone elettorale avrebbe eccellenti possibilità di raccogliere numerosi consensi. Qualcuno ha anche proposto di abolire la Politica ed i Politici.

La parodia è molto divertente. Per molti aspetti può rappresentare anche uno strumento di partecipazione democratica 2.0 all’elaborazione dei programmi elettorali. Consiglio agli aspiranti parlamentari di consultare #abolisciqualcosa. Chissà che non ne traggano qualche spunto interessante anche per cercare di arrestare la deriva astensionistica. Anche in Italia infatti crolla la percentuale di votanti a tutto discapito della vita democratica del Paese. I cittadini possono e devono tornare protagonisti con il voto e la partecipazione. E tu cosa vorresti abolire?

 

58
CONDIVISIONI

Commenti (1):

Lascia un commento: