Max Gazzé approda al suo 5° Sanremo cantando di una leggenda pugliese

Tutti quelli che hanno già ascoltato il brano gridano al miracolo musicale

672
CONDIVISIONI

Max Gazzé, cantautore rock siciliano, approda al suo 5° Sanremo cantando di una leggenda pugliese, quella di Cristalda e Pizzomunno, dove cattive sirene ostacolano l’amore tra due giovani. Tutti quelli che hanno già ascoltato il brano gridano al miracolo musicale. L’orchestra di Sanremo si è commossa. Max porterà sul palco anche una arpista. Inoltre, in un periodo storico in cui il ruolo dell’album non esiste più e il mercato ha spazio solo per singoli, Gazzé pubblica “Alchemaya”, definita un’opera sintonica.
Max è un genio non solo musicale. Quando uscì l’applicazione Vine (oggi in disuso) che permetteva di pubblicare mini clip di 5 secondi che andavano in loop, lui si sbizzarriva con una inventiva incredibile, al punto che ho deciso di unirli in mini film e mostrarglieli al Roxy Bar.

Max ha iniziato a fare musica in Belgio, dove viveva, poi Inghilterra, Francia e Olanda. Arrivato a Roma ha collaborato assiduamente con Daniele Silvestri, con cui suonava il basso. Il suoi primi dischi sono già storia, come “Cara Valentina” o “Vento d’estate”, cantata insieme a Niccolò Fabi. Ad aiutarlo nei testi c’era anche suo fratello Francesco, autore anche de “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”. Nel 1999 è tra i giovani a Sanremo. Si classifica solo 8°, ma la canzone “La musica può fare” ha un enorme successo, ancora oggi.
Max ama le collaborazioni, che continuano con Paula Turci e Carmen Consoli, col batterista dei Police Stewart Copeland e Raiz degli Almamegretta, fino ad arrivare al recente splendido tour con la stessa Consoli e Silvestri.

Nel 2014 è stato gratificato col premio Amnesty International Italia per il brano “Atto di forza”, che racconta uno stupro.
Max ha fatto anche l’attore nel delizioso “Basilicata coast to coast” di Rocco Papaleo.
La passione più bizzarra di Max è però l’automobilismo. Ama correre ed è anche un pilota velocissimo
A Sanremo è sempre andato molto veloce, con canzoni che hanno lasciato il segno come anche “Il solito sesso” nel 2008 e “Sotto casa” nel 2013.
A Sanremo 2018 la sua leggenda di Cristalda e Pizzomunno lascerà una traccia indelebile. E lo scrivo senza averla ancora ascoltata, sulla fiducia. So chi è Max, la sua follia, il suo genio.

Red Ronnie

672
CONDIVISIONI

Lascia un commento: