American Horror Story fa paura: una coppia acquista la casa degli Harmon ma è presa d’assalto, da chi?

Casa Harmon fa paura ai nuovi proprietari, colpa dei fantasmi di American Horror Story?

Fantasmi o fan? Qualcuno disturba la quiete della coppia che ha acquistato la casa degli Harmon, location della prima stagione di American Horror Story. Quando arrivò la notizia che la struttura fosse in vendita in molti hanno ironizzato sul fatto che chi avrebbe fatto la follia di acquistarla, non sarebbe rimasto tranquillo a lungo in quelle quattro mura e così è stato.

Sembra che ad infastidire la coppia non siano i fantasmi degli Harmon o delle famiglie precedenti, ma che sia qualcosa di più realistico, fatta di carne ed ossa diciamo così.

Ernst Von Schwarz e Angela Oakenfold hanno acquistato la Rosenheim Mansion per 3,2 milioni di dollari ma chi ha fatto l’affare si era dimenticato di dire alla coppia che migliaia di fan si presentano lì ogni anno per fare delle foto addirittura bloccando la loro strada verso casa o intrufolandosi in casa. Gli stessi proprietari hanno spiegato di aver denunciato diverse irruzioni alla polizia, tre o quattro solo in quest’ultimo anno e alcuni di loro hanno addirittura usato gru e camion della spazzatura per salire più in alto e avere una visuale migliore soprattutto fuori dalla finestra del bagno.

La coppia ha intentato causa all’agenzia immobiliare e ai venditori che non sono stati chiari sulle insidie ​​della proprietà: “Ci sentiamo ingannati. Vogliamo vivere qui, naturalmente. Ma è molto difficile perché non ci sentiamo al sicuro“. I due avevano fatto delle ricerche sulla casa prima di comprarla e sapevano che molti film sono stati girati lì ma non conoscevano American Horror Story.

Secondo quanto riporta CBS se la coppia vince la causa, costruiranno una recinzione permanente o una copertura che possa garantire la loro privacy mentre l’agenzia immobiliare ha fatto sapere: “Non ho dubbi che i fatti veritieri di questo caso risolveranno la questione a nostro favore”.

Lascia un commento: