Subito confronto tra Samsung Galaxy S9 Plus e iPhone X: tutti gli elementi a paragone

Appena presentato il Samsung Galaxy S9 Plus, e messo subito a paragone con iPhone X

4
CONDIVISIONI

Non ci sono dubbi che il Samsung Galaxy S9 Plus, fin da oggi 25 febbraio, giorno della sua presentazione (che si è conclusa da poco) debba vedersela direttamente con iPhone X: si tratta di un testa a testa senz’altro affascinante, tra due top di gamma di spessore mondiale.

DESIGN – Il colpo d’occhio è di quelli che riempiono lo sguardo: due bellezze vere in questo scontro tra titani. Il Samsung Galaxy S9 Plus ha seguito le orme del suo predecessore, quanto a forme e materiali: confermato sia l’alluminio che il vetro, il top che la tecnologia può offrire al giorno d’oggi. iPhone X è costruito anch’esso in vetro (parte frontale e dorsale), con inserti in metallo lungo le fasce laterali. Se le dimensioni contano, è anche giusto riportarvele: 158,1 x 73,8 x 8,5 mm per 189 gr. nel caso del sudcoreano, contro i 143.6 x 70.9 x 7.7 mm (174 gr.) del melafonino. Non ci sembra il caso di soffermarci oltre su questo aspetto, che lascia ampio spazio al mero gusto personale.

DISPLAY – Sapevamo l’azienda asiatica non ci avrebbe deluso nemmeno quest’anno: la versione plus del nuovissimo top di gamma monta un Infinity Display SuperAMOLED da 6.2 pollici con risoluzione di 1440 x 2960 pixel a 529 ppi ed aspect-ratio di 18.5:9. Apple, per celebrare degnamente il decennale degli iPhone, ha deciso di puntare sul Super Retina Display, pannello OLED da 5.8 pollici con risoluzione di 2436×1125 pixel (458 ppi), con notch sulla parte alta a contenere tutti i sensori disposti sul versante frontale. Prima di esporci, attendiamo di testare l’ultimo arrivato.

HARDWARE – Un ottimo acquisto, soprattutto da questo punto di vista, il Samsung Galaxy S9 Plus, che vanta dalla sua l’ultima fatica del reparto tecnico proprietario, il processore Exynos 9810 (octa-core da 4 x 2,9 GHz + 4 x 1,9 GHz), che sappiamo alimenterà la versione internazionale, in vendita anche in Europa. Il comparto hardware di questo specifico modello ingloba 6 GB di RAM e memoria interna da 64 GB, con espansione fino a 400 GB tramite microSD. Non è da meno iPhone X, che incorpora al suo interno il chipset A11 Bionic, con processo di produzione a 10nm e formato da 6 core (2 high-performance e 4 energy-saving), in abbinamento a 3 GB di RAM e ad uno storage a scelta tra 64 e 256 GB (non espandibile).

FOTOCAMERA – Di pregevole fattura il sistema di fotocamera doppia del sudcoreano, con un tiratore da 12 MP ed apertura variabile da f/1.5 a f/2.4, ed un altro, il secondo, da 12 MP con apertura fissa f/2.4, OIS e zoom fino a 2X (va menzionata anche la possibilità di catturare video in super slow-motion a 960 fps). La fotocamera frontale, unica, si compone di un sensore da 8 MP con apertura f/1.7 ed autofocus, arricchita dalla funzionalità ‘My Emoji‘, che, grazie ad uno speciale algoritmo, permette la creazione di un modello 3D (che potrà essere condiviso sulle piattaforme social più popolari) a partire dallo scatto 2D dell’utente, plasmato sulla base di una mappa contenitiva di più di 100 fattezze facciali. Risponde perfettamente il comparto multimediale di iPhone X: doppio tiratore principale da 12 MP, impreziosito dal sistema flash quad-LED True Tone (sensori con apertura f/1.8 e 2.4, dualOIS, zoom ottico 10x, e videoregistrazione in 4K a 60 fps, ed in HD a 240 fps). Il tiratore anteriore è pari a 7 MP, con apertura f/2.2, riconoscimento facciale 3D (FaceID) e le ormai celebri Animoji.

BATTERIA – A bordo del Samsung Galaxy S9 Plus è presente un’unità energetica di 3500 mAh, con quick charge via wireless e USB Type-C. La capacità della batteria integrata in iPhone X è di 2716 mAh.

ALTRO – Una suite di extra decisamente interessante per il top asiatico: certificazione IP68 contro acqua e polvere, altoparlanti stereo AKG, scanner dell’iride, riconoscimento facciale, lettore di impronte digitali e possibilità di collegamento all’accessorio DeX Pad, che, tra le altre cose, consente di trasformare il dispositivo in tastiera virtuale e touch pad. iPhone X risponde colpo su colpo: certificazione IP67, face recognition 3D, LTE Advanced, ricarica wireless Qi, Animoji, altoparlanti stereo e Bluetooth 5).

SOFTWARE E PREZZO – Non è un mistero che il Samsung Galaxy S9 Plus esordisca con a bordo Android Oreo 8.0, speriamo ottimizzato al meglio, per poter offrire un’esperienza utente all’avanguardia. Il prezzo del telefono per l’Europa è stato fissato a 999 euro, con prevendite a partire già da oggi 25 febbraio, ed arrivo nei negozi, oltre che sullo store ufficiale, dal 15 marzo, nelle colorazioni Midnight Black, Coral Blue, Titanium Gray e Lilac Purple. iPhone X resta ancorato ad iOS 11, giunto pubblicamente alla versione iOS 11.2.6 (pensato prevalentemente per la correzione del bug che comportava il riavvio forzato ed il crash delle applicazioni tramite del carattere indiano che tanto ha fatto discutere). Ricordiamo che il prezzo base del melafonino è pari a 1189 euro (modello da 64 GB), che diventano 1359 per l’acquisto dell’esemplare da 128 GB (due le nuance cromatiche, argento e grigio siderale).

4
CONDIVISIONI

Lascia un commento: