Il Presidente della Repubblica può scegliere i Ministri? Tra bufale e chiarimenti sui poteri

Quali sono i reali poter dati al Presidente della Repubblica dalla Costituzione? Tutto quello che c'è da sapere sull'immagine apparsa sui social

5
CONDIVISIONI

Uno dei dilemmi più delicati delle ultime ore qui in Italia riguarda senza ombra di dubbio il Presidente della Repubblica e la possibilità per quest’ultimo di poter scegliere i Ministri, almeno stando ai poteri che gli sarebbero stati conferiti dalla Costituzione. La scelta di Mattarella, che ha posto il veto nei confronti di Savona, inducendo in questo mondo Conte a fare un passo indietro rispetto all’incarico che gli era stato affidato, ha aperto lo scenario di una crisi politica che di recente non ha avuto precedenti simili.

Se a questo aggiungiamo la foto riportata ad inizio articolo che sta facendo rapidamente il giro dei social, appare chiaro che occorra a tutti un chiarimento sui poteri effettivamente dati dalla Costituzione al Presidente della Repubblica. La porzione di testo evidenziata sembrerebbe condannare Mattarella senza troppi giri di parole, ma la questione è più complessa e deve necessariamente partire dall’Articolo 92, secondo cui lo stesso Presidente della Repubblica ha la facoltà di nominare il Presidente del Consiglio dei ministri ed in seconda battuta i ministri.

Morale della favola? Quella del Presidente del Consiglio appena nominato formalmente resta una proposta, che può essere accettata o meno dal Presidente della Repubblica. Eventuali veti sui Ministri vanno contestualizzati e richiedono precisazioni oltre a quanti riportato in foto. A tal proposito occorre evidenziare quanto specificato in seconda battuta dal Capitolo III del Temistocle-Martines, in modo che tutti possano avere un miglior sguardo d’insieme.

Ricapitolando, il Presidente della Repubblica in seguito ad una crisi di Governo “dovuta a frantumazione della maggioranza uscita dalle urne“, ha i pieni poteri per “esercitare una effettiva influenza nella determinazione di una nuova maggioranza“. In sostanza, più che una bufala, si tratta di cattiva informazione sul Presidente della Repubblica e sui poteri che gli sono stati attribuiti dalla Costituzione, al netto delle reali motivazioni che hanno indotto Mattarella a prendere determinate decisioni su Savona. Per tutti gli approfondimenti, in ogni caso, vi rimando a quanto trattato nello specifico dai colleghi di bufale.net, che hanno fatto luce sulla questione.

5
CONDIVISIONI

Lascia un commento: