Truffe e virus Android, le tre cose da sapere sulle minacce più pericolose per gli italiani

Esaminiamo in modo dettagliato quanto emerso in questi giorni a proposito del pubblico italiano e non solo

1
CONDIVISIONI

Giunge direttamente da PSafe uno studio molto interessante a proposito delle truffe e dei virus Android, con cui oggi 13 giugno possiamo avere sicuramente le idee più chiare su quelle che sono attualmente le minacce più pericolose per gli utenti italiani. Tra potenziali malware e trucchetti con cui terzi possono estorcere denaro, o comunque dati sensibili, è importante capire in quali tranelli il pubblico di casa nostra tende a cadere con maggiore facilità in un momento storico particolare come quello che stiamo vivendo.

Andiamo dunque con ordine, perché ci sono almeno tre fattori che dobbiamo mettere in evidenza. In primis, in Italia i virus Android tendono a beffare più gli uomini delle donne. Addirittura il doppio dei casi per i maschietti, che evidentemente hanno bisogno di svegliarsi sotto questo punto di vista. In generale, il virus Android più scaricato appartiene alla tipologia dei casi in cui gli utenti provano appunto a scaricare un programma per proteggere il proprio device, quando nel corso della navigazione veniamo avvisati di una minaccia incombente.

Andando avanti nel report della fonte, come riportato anche da Android Authority, è importante evidenziare come gli uomini finiscano prevalentemente vittime di malware legati a siti per adulti, mentre le donne tendono a farsi ingannare soprattutto dai falsi premi, dietro i quali si nasconde molto spesso uno stratagemma per rubare soldi o dati personali. Di sicuro il numero di attacchi e in crescita, e con esso anche quello delle vittime.

Fate dunque molta attenzione, in quanto il nostro obiettivo ora deve essere quello di smentire i trend emersi a giugno 2018 a proposito di truffe e virus Android. Anche a voi è capitato qualcosa del genere? Riportateci pure il vostro caso commentando l’articolo di oggi.

1
CONDIVISIONI

Commenti (1):

Lascia un commento: