Irrefrenabile corsa al 5G in Italia: pubblicato il bando per l’asta

Pubblicato il bando di assegnazione delle frequenze 5G in Italia dal Ministero dello Sviluppo Economico

1
CONDIVISIONI

Tutto predisposto in Italia per il bando di assegnazione delle frequenze 5G per gli operatori nazionali che vorranno/potranno prendervi parte. Da qualche ora, il Ministero dello Sviluppo Economico ha fatto sapere della pubblicazione dello stesso, che verrà regolamentato dalle normative previste dall’AGCOM lo scorso maggio. Ecco le bande pioniere per cui si procederà all’asta:

“1000 MHz nella banda a 2,6 GHz, 200 MHz nella banda a 3,7 GHz e 75 MHz nella banda a 700 MHz”.

Nel bando medesimo per l’assegnazione delle frequenze 5G si legge che i gestori che vorranno partecipare saranno chiamati a consegnare la propria richiesta di adesione non oltre il 2 agosto: da lì, entro 10 giorni, il Ministero provvederà a comunicare l’esito della domanda, se positivo o negativo (gli ammessi dovranno poi presentare la propria proposta non oltre il 10 settembre).

L’asta, secondo quanto stimato dall’AGCOM, dovrebbe fruttare allo Stato circa 2.5 miliardi di euro. Un gran bel colpo per l’Italia, che si attesta essere tra i mercati principe nel territorio europeo per l’implementazione del 5G. L’atto mette il nostro Paese tra quelli più all’avanguardia (un elemento di vanto non indifferente e che andrebbe pesato nella giusta misura), sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo dello spettro reso disponibile ai gestori, oltre che per le potenzialità di crescita di servizi votati all’innovazione per il benessere degli utenti privati, delle aziende e della pubblica amministrazione.

Questo è tutto quanto c’è da sapere sul bando di assegnazione delle frequenze 5G per i vari provider telefonici che operano nel nostro territorio, restando in attesa di capire come sta evolvendo la questione legata al modem libero, di cui vi abbiamo parlato più nei dettagli nella giornata di ieri (qualora interessati, potrete approfondire la tematica leggendo il nostro articolo dedicato).

1
CONDIVISIONI

Lascia un commento: