La moda del momento è Momo Whatsapp: cos’è e cosa si rischia ricevendolo

Piccolo approfondimento su una catena che sta circolando parecchio in queste ore tramite la famosissima app

60
CONDIVISIONI

Si parla molto in queste ore di Momo Whatsapp, nell’ambito dell’ennesima catena che stiamo fronteggiando in un 2018 a dir poco intenso per la popolare app di messaggistica. Cos’è più nello specifico? Perché nelle community in tanti stanno affrontando la discussione? Come si manifesta sul nostro smartphone Android o iPhone? Le notizie trapelate fino a questo momento sono piuttosto frammentarie, ma a mio avviso sufficienti per avere le idee più chiare su quello che sta avvenendo anche qui in Italia.

Momo Whatsapp è fondamentalmente uno scherzo fuori stagione, che ovviamente viene alimentato da chi fa passaparola con le immagini che caratterizzano questa iniziativa. Si tratta di una serie di immagini di paura, con volti ritoccati e che assumono sembianze in alcuni casi davvero orribili, quasi a voler spaventare il destinatario semplicemente scaricando il contenuto in questione. Effettivamente, da tempo non si parlava di idee simili per la nota app che siamo soliti utilizzare tutti i giorni.

In aggiunta all’immagine di cui vi ho parlato, Momo Whatsapp porta con sé anche un messaggio: coloro che saranno colpiti da questa catena, infatti, dovranno fare i conti con una pesante maledizione, nell’ambito di un vortice fantomatico molto pericoloso per tutti noi. Stento a credere che qualcuno possa dar retta ad una cosa del genere, ma considerando il fatto che da più parti ci si chiede in cosa consista Momo Whatsapp, un piccolo approfondimento era doveroso.

Insomma, una catena tutto sommato innocente quella relativa a Momo Whatsapp, se non altro perché al suo interno non dovremmo trovare link diretti a siti esterni che potrebbero mettere in discussione la sicurezza di uno smartphone. In ogni caso, come sempre, consiglio a tutti la massima prudenza, magari evitando di ricondividere ed inoltrare messaggi del genere.

60
CONDIVISIONI

Lascia un commento: