Nomination Emmy Awards 2018, pronostici sui vincitori da Westworld a Il Trono di Spade e The Handmaid’s Tale

Dalle nomination Emmy Awards 2018 ai pronostici sui vincitori: chi la spunterà tra Il Trono di Spade, Westworld, The Crown e The Handmaid's Tale?

39
CONDIVISIONI

Le nomination Emmy Awards 2018 sono state annunciate nel luglio scorso. La lista dei nominati ha evidenziato il predominio de Il Trono di Spade, leader con 22 candidature, seguito da Westworld con 21 e The Handmaid’s Tale con 20. Saranno loro tre a contendersi il maggior numero di statuette. Ma il network HBO deve guardarsi le spalle dai contendenti del servizio streaming Netflix con Stranger Things, The Crown, Ozark e Orphan Black.

Ecco quindi i pronostici sui vincitori e tutte le nomination Emmy Awards 2018. La cerimonia di premiazione quest’anno si terrà eccezionalmente di lunedì, cioè domani 17 settembre.

Miglior serie drammatica
The Americans
The Crown
Il Trono di Spade
The Handmaid’s Tale
Stranger Things
This Is Us
Westworld

Quest’anno la grande sfida per miglior serie drammatica sarà tra Il Trono di Spade e The Handmaid’s Tale. I pronostici però puntano tutto sullo show distopico, che nella seconda stagione ha regalato performance di alto livello (e per questo Elisabeth Moss sembra la più candidata al titolo di migliore attrice).

Miglior attore in una serie drammatica
Jason Bateman, Ozark
Sterling K. Brown, This Is Us
Ed Harris, Westworld
Matthew Rhys, The Americans
Milo Ventimiglia, This Is Us
Jeffrey Wright, Westworld

Terminato The Americans, finalmente Matthew Rhys potrebbe ottenere il tanto sospirato riconoscimento, ma i pronostici puntano alla vittoria agli Emmy di Sterling K. Brown, che quest’anno ha già vinto SAG e Golden Globe.

Miglior attrice in una serie drammatica
Claire Foy, The Crown
Tatiana Maslany, Orphan Black
Elisabeth Moss, The Handmaid’s Tale
Sandra Oh, Killing Eve
Keri Russell, The Americans
Evan Rachel Wood, Westworld

Elisabeth Moss dovrebbe vincere a mani basse, ma potrebbe esserci la sorpresa con Sandra Oh; per l’ex attrice di Grey’s Anatomy si tratta della prima nomination agli Emmy come attrice protagonista, e con Killing Eve ha fatto un lavoro straordinario.

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica
Alexis Bledel, The Handmaid’s Tale
Millie Bobby Brown, Stranger Things
Ann Dowd, The Handmaid’s Tale
Lena Heady, Game of Thrones
Vanessa Kirby, The Crown
Thandie Newton, Westworld
Yvonne Strahovski, The Handmaid’s Tale

È molto probabile che Ann Dowd rubi l’Emmy a Yvonne Strahovski, che quest’anno ha davvero attirato l’attenzione con la sua performance nella seconda stagione di The Handmaid’s Tale: chi la spunterà?

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica
Nikolaj Coster-Waldau, Game of Thrones
Peter Dinklage, Game of Thrones
Joseph Fiennes, The Handmaid’s Tale
Mandy Patinkin, Homeland
David Harbour, Stranger Things
Matt Smith, The Crown

David Harbour dovrebbe avere la vittoria in pugno agli Emmy, dato che l’attore ha già guadagnato un SAG quest’anno. Tuttavia, alcuni pronostici puntano su Matt Smith, che potrebbe essere la sorpresa della serata.

Miglior serie comedy
Atlanta
Barry
black-ish
Curb Your Enthusiasm
GLOW
The Marvelous Mrs. Maisel
Silicon Valley
Unbreakable Kimmy Schmidt

Atlanta potrebbe fare il bis quest’anno, ma deve vedersela con The Marvelous Mrs. Maisel, che nella passata stagione ha riservato molte sorprese.

Miglior attrice in una serie comedy
Pamela Adlon, Better Things
Rachel Brosnahan, The Marvelous Mrs. Maisel
Allison Janney, Mom
Issa Rae, Insecure
Tracee Ellis Ross, black-ish
Lily Tomlin, Grace & Frankie

La vittoria di Rachel Brosnahan sembra quindi assicurata, dopo aver mostrato le sue incredibili doti recitative.

Miglior attore in una comedy
Anthony Anderson, black-ish
Ted Danson, The Good Place
Larry David, Curb Your Enthusiasm
Donald Glover, Atlanta
Bill Hader, Barry
William H. Macy, Shameless

A questo punto, Donald Glover non dovrebbe avere rivali e guadagnarsi un’altra statuetta agli Emmy, ma chissà se William H. Macy riuscirà a spuntarla insieme a Bill Hader?

Miglior attrice non protagonista in una comedy
Zazie Beetz, Atlanta
Aidy Bryant, Saturday Night Live
Alex Borestein, The Marvelous Mrs. Maisel
Betty Gilpin, GLOW
Leslie Jones, Saturday Night Live
Kate McKinnon, Saturday Night Live
Laurie Metcalf, Roseanne
Megan Mullally, Will & Grace

L’ironica Kate McKinnon non dovrebbe avere rivali in questa categoria, e i pronostici scommettono tutto su di lei.

Miglior attore non protagonista in una comedy
Louie Anderson, Baskets
Alec Baldwin, Saturday Night Live
Tituss Burgess, Unbreakable Kimmy Schmidt
Brian Tyree Henry, Atlanta
Tony Shalhoub, The Marvelous Mrs. Maisel
Kenan Thompson, Saturday Night Live
Henry Winkler, Barry

Anche in questa categoria, il SNL potrebbe sbaragliare la concorrenza con Alec Baldwin vincitore. Tuttavia, in molti scommettono su Henry Winkler per la sua performance nella dark comedy Barry.

Miglior miniserie
The Alienist
L’assassinio di Gianni Versace: American Crime Story
Genius: Picasso
Godless
Patrick Melrose

Il gran lavoro, elegante e glamour, di Ryan Murphy potrebbe essere ripagato con la vittoria de L’Assassinio di Gianni Versace. Chissà se riuscirà a farcela?

Miglior attrice in una miniserie o film tv
Jessica Biel, The Sinner
Laura Dern, The Tale
Michelle Dockery, Godless
Edie Falco, Law & Order True Crime: The Menendez Murders
Regina King, Seven Seconds
Sarah Paulson, American Horror Story: Cult

Dopo aver vinto per Big Little Lies, Laura Dern potrebbe fare il bis con The Tale, e gli scommettitori puntano su di lei, ma attenzione a Sarah Paulson che nella passata stagione ha sbaragliato tutti.

Miglior attore in una miniserie o film tv 
Antonio Banderas, Genius: Picasso
Darren Criss, L’assassinio di Gianni Versace: American Crime Story
Benedict Cumberbatch, Patrick Melrose
Jeff Daniels, The Looming Tower
John Legend, Jesus Christ Superstar
Jesse Plemons, Black Mirror, “USS Callister”

Il carismatico Darren Criss ha avuto il ruolo della sua carriera nella miniserie di Ryan Murphy, perciò la vittoria potrebbe essere la sua in questa edizione degli Emmy.

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film tv
Adina Porter, American Horror Story: Cult
Letitia Wright, Black Mirror, “Black Museum”
Merrit Wever, Godless
Sara Bareilles, Jesus Christ Superstar Live in Concert
Penelope Cruz, L’assassinio di Gianni Versace: American Crime Story
Judith Light, L’assassinio di Gianni Versace: American Crime Story

Dato il nome, Penelope Cruz è la candidata ideale per l’Emmy. Nella miniserie dedicata all’assassinio di Gianni Versace interpreta la sorella dello stilista, Donatella, un ruolo che le calza a pennello.

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film tv
Jeff Daniels, Godless
Brandon Victor Dixon, Jesus Christ Superstar Live in Concert
Ricky Martin, L’assassinio di Gianni Versace: American Crime Story
Edgar Ramirez, L’assassinio di Gianni Versace: American Crime Story
Finn Wittorck, L’assassinio di Gianni Versace: American Crime Story
Michael Stuhlbag, The Looming Tower
John Leguizamo, Waco

La somiglianza con Gianni Versace è impressionante, per questo Edgar Ramirez potrebbe davvero vincere l’Emmy per il ruolo, ma potrebbe contenderselo con Finn Wittorck.

39
CONDIVISIONI

Lascia un commento: