En plein di bufala furgone bianco e donna che rapisce bambini: in Italia è psicosi

Allarmismo ingiustificato e pure di vecchia conoscenza: note fake sui social.

356
CONDIVISIONI

Non ci sono limiti per le catene social:  la doppia bufala furgone bianco e della donna che rapisce i bambini sta impazzando su WhatsApp e anche Facebook. Le due fake news in parte viaggiano da sole, in parte sono intrecciate e hanno aree di riferimento geografiche pure diverse. Cerchiamo di esaminarle entrambe, pure per capire che non c’è alcun fondamento di verità che le contraddistingue (almeno per il momento).

Partiamo dalla cosiddetta bufala furgone bianco. La catena social sta impazzando soprattutto su Facebook, seguendo il tam tam delle bacheche dei profili di utenti residenti (quasi esclusivamente) nell’area della provincia di Caserta. Un camioncino di quelli ad uso commerciale si aggirerebbe  nei pressi delle scuole e di altri edifici pubblici: al suo interno, ci sarebbero dei ROM intenzionati a derubare passanti e nella peggiore delle ipotesi anche per rapire i bambini.

In parte simile a questa prima bufala furgone bianco, è l’audio con massima diffusione a Roma invece in cui si fa riferimento ad una donna (accompagnata da sedicenti soci) appostata proprio all’uscita delle scuole con l’obiettivo dio approfittare di momenti di disattenzione dei genitori per portare via i piccoli studenti. Le specifiche zone indicate sono quelle dei Giardinetti  e di Tor Vergata ma è indubbio che né in questi quartieri né altrove ci siano pericoli di questo tipo. A dirla tutta, il messaggio vocale virale in queste ore sembrerebbe essere lo stesso identico diffuso nel mese di maggio e già “sbufalato” la scorsa primavera appunto dai colleghi di Bufale.net.

Naturalmente, chiunque dovesse essere il destinatario di una o entrambe le bufale è tenuto a non diffondere ulteriormente la catena per evitare inutili allarmismi, soprattutto nel caso di genitori particolarmente apprensivi. Regola sempre valida e solo all’apparenza ovvia sarebbe quella di verificare sempre i contenuti delle notizie prima di diffonderle ai propri contatti.

356
CONDIVISIONI

Commenti (1):

Lascia un commento: