Lodo Guenzi sostiene Mediterranea, come donare e supportare la causa

Lodo de Lo Stato Sociale su Instagram condivide un'immagine a favore di Mediterranea.

Lodo Guenzi sostiene Mediterranea, la piattaforma di monitoraggio e soccorso attiva nel Mediterraneo centrale.

Mediterranea apre il sito con un video che tocca nel profondo: una serie di immagini e poche parole sottolineano i migliaia di morti in mare, uomini e donne ma anche bambini che non raggiungeranno mai la costa. Sebbene abbia molto in comune con le ONG, Mediterranea è un’azione non governativa e si definisce, nell’apposita sezione di presentazione del sito web ufficiale, “un’azione di disobbedienza morale ma di obbedienza civile”.

“C’era una volta un mondo in cui quando le cose non funzionavano, invece di lamentarsi, ci si provava a salvare da soli. Un mondo in cui morivano ogni giorni persone al largo delle nostre coste, in cui l’Europa non c’era, in cui l’Italia era in difficoltà, in cui le regole dicevano che non si può, il senso comune che non si deve, la paura che non si riesce. Poi un po’ di persone si sono guardate negli occhi e hanno detto: ma perché non compriamo una nave? Questa è la storia di come abbiamo iniziato a salvarci da soli”.

Questo è il messaggio di Lodo Guenzi su Instagram nel condividere un’immagine di se stesso con i riferimenti per sostenere economicamente Mediterranea. Per svolgere la propria missione, Mediterranea ha attivato una raccolta fondi alla quale è possibile partecipare liberamente donando attraverso il sito ufficiale  oppure attraverso versamento su conto corrente bancario inserendo l’iban indicato.

Al momento ci sono 1481 sostenitori per un totale di 121.333 euro raccolti, una cifra importante ma distante dall’obiettivo dei 700.000 euro che si aspira a raggiugnere. Per sostenere il progetto è possibile consultare tutte le informazioni utili all’interno dell’apposita pagina.

Mediterranea lavora in mare e a terra. In mare il lavoro svolto è inerente al monitoraggio e all’eventuale intervento in caso di salvataggio; sulla terra ferma, l’obiettivo è quello della costruzione di una rete territoriale di supporto.

Lascia un commento: