Come richiedere l’aggiornamento beta WhatsApp per iPhone: guida e limitazioni

Inviti per la fase di test aperti e poi richiusi. Cosa fare nel frattempo per tenersi pronti.

1
CONDIVISIONI

L’aggiornamento beta WhatsApp per iPhone si è riaperto a tutti gli user nelle scorse ore. Il programma di sperimentazione è stato disponibile per qualche tempo salvo poi essere richiuso, probabilmente, per il gran numero di richieste pervenute. Qual è tuttavia la modalità di richiesta per tentare la partecipazione alla fase di test dell’applicazione di messaggistica, non appena questa verrà nuovamente resa attiva?

Come è noto a molti, chi ha un device Android, da tempo può partecipare attivamente alla fase di beta testing di WHatsApp. Lo stesso discorso non vale per gli utenti iPhone che devono accontentarsi solo della versione stabile del servizio. Nelle scorse ore, gli sviluppatori, hanno riaperto i cancelli per le richieste di attivazione al programma beta e lo hanno fatto con una comunicazione specifica apparsa sul sito di riferimento del tool TestFlight pensato appositamente per lo scopo.

Al momento di questa pubblicazione, come già detto, gli slot a disposizione per il programma beta sono stati richiusi ma consigliamo ai nostri lettori desiderosi di partecipare quanto prima al programma, di tenere a mente ed effettuare già i primi passaggi utili, almeno fino a dove possibile. La prima cosa da fare sarà quella di scaricare proprio l’app TestFlight dall’App Store. Dopo l’installazione, ecco che bisognerà fornire una serie di consensi. Alla voce Rendeem invece, andrà inserito il codice/invito associato a WhatsApp. Quest’ultimo potrà essere fornito solo dalla pagina ufficiale del programma già indicata nel paragrafo precedente, quando disponibile per nuovi slot.

Agli smaniosi di ottenere un aggiornamento beta WhatsApp per iPhone, ricordiamo quanto segue. Le versioni non stabili dell’applicazione contengono spesso bug e anomalie: dunque chi accetta di aderire alla fase di test, è pur consapevole che potrebbe incappare in qualche problema di troppo. In attesa che siano disponibili nuovi inviti, i nostri lettori avranno di che pensare a questa eventualità.

1
CONDIVISIONI

Lascia un commento: