Presto per tutti i Samsung Galaxy Note 9 l’aggiornamento ad Android Pie

Pubblicato il manuale utente di Samsung Galaxy Note 9 con Android Pie: diffusione sbloccata

In dirittura d’arrivo l’aggiornamento ad Android 9.0 Pie per il Samsung Galaxy Note 9, in accoppiata alla nuova One UI. Qualche giorno fa vi avevamo raccontato l’avvio della distribuzione dell’upgrade in Germania, cui presto dovrebbero fare seguito anche gli altri Paesi a livello globale. Affermiamo la questione con tanto vigore per la pubblicazione del manuale utente del phablet di ultima generazione, aggiornato con le novità apportate dall’ultima distribuzione dell’OS mobile di Big G.

Come già successo tante volte in passato, in genere l’uscita del manuale utente coincide quasi con la diffusione dell’aggiornamento (in alcuni casi, come in quello che ha riguardato i Galaxy S9, il roll-out ha addirittura preceduto la pubblicazione del manuale utente). Questo può voler solo significare che si è ormai agli sgoccioli, e che la distribuzione capillare della più recente major-release per il Samsung Galaxy Note 9 avverrà da un momento all’altro, anche nell’ambito degli altri mercati, e non solo nel territorio tedesco (quello in cui, lo ricordiamo, era stato attivato il programma beta, ragione che gli ha fruttato la corsia preferenziale per il rilascio della versione finale, com’è giusto che sia).

C’è grande curiosità intorno ad Android 9.0 Pie, e soprattutto relativamente alla nuova interfaccia proprietaria One UI, che dovrebbe semplificare ed al tempo stesso rendere più snello e fluido il pacchetto software a disposizione. L’esperienza maturata a bordo dei Galaxy S9 è stata a tratti positiva (non manca qualche intoppo, che verrà comunque appianato col passare del tempo), ed è quindi naturale che i possessori del Samsung Galaxy Note 9 non stiano nella pelle di ottenere anch’essi il passaggio a questa major-release, così tanto promettente e sostanziosa. Da parte nostra non mancheremo di tenervi aggiornati a rilascio avvenuto, certi di non dover aspettare chissà quanto altro tempo.

Lascia un commento: